IL PORTALE CHE Dà VOCE AGLI PNEUMATICI

Guide e consigli

Tempo di lettura: 2 Minuti

TPMS: il sistema di monitoraggio della pressione!

Condividi :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Il Tyre Pressure Monitoring System è il sistema di monitoraggio della pressione integrato nell’elettronica della vettura. Esso entra in funzione nel caso in cui si verifichi una perdita d’aria, si accende un’apposita spia nel cruscotto del veicolo e avverte una situazione di pericolo.

Introdotto nella normativa EU – 661 2009 che stabilisce l’obbligatorietà, a partire dal 1 novembre 2014,  per tutte le vetture nuove di montare il TPMS.

 

Perchè un sistema di monitoraggio

img_2016_07_07_sensor_4_kr-data

 

Circa il 50% delle vetture in circolazione, hanno un’errata pressione di gonfiaggio degli pneumatici. Il TPMS ha 3 funzioni importanti:

 

  • evitare un aumento del consumo di carburante;
  • evitare il danneggiamento della struttura dello pneumatico dovuto all’innalzamento della temperatura (anche correggendo la pressione, i danni strutturali non sono eliminabili).  
  • garantire maggior sicurezza.

Come funziona

Esistono 2 diversi tipi di TPMS: diretto e indiretto. 

Il sistema diretto viene gestito tramite sensori montati direttamente sullo pneumatico. Misurano la pressione di tutte e 4 le ruote e la trasmettono in tempo reale al computer di bordo. Oltre alla pressione, controllano anche la temperatura interna dello pneumatico.  

Il sistema indiretto sfrutta invece i sensori dell’ABS e si basa sul diametro dello pneumatico: uno pneumatico sgonfio avrà un diametro più piccolo e quindi una maggiore velocità angolare. Quando gli pneumatici iniziano a girare più velocemente, il sistema rileverà una perdita di pressione e avvisa il conducente. 

Secondo la normativa UE,  il TPMS deve avere determinate caratteristiche:

  • il trasferimento dati deve avvenire con 434 MHz;
  • la perdita di pressione deve essere rilevata a partire da una velocità di 40 km/h fino alla velocità massima del veicolo; 
  • il TPMS deve avvisare entro 10 minuti in caso di una perdita di pressione di un singolo pneumatico che sia del 20% in meno rispetto alla pressione di esercizio (1,5 bar) 
  • il TPMS deve avvisare entro 10 minuti, in caso di perdita immediata o graduale di pressione di tutti e quattro gli pneumatici che sia del 20% in meno rispetto alla pressione di esercizio (1,5 bar) 

Una questione di sicurezza

La perdita di pressione è un fenomeno che si verifica in maniera naturale, e uno pneumatico non gonfiato correttamente può compromettere la stabilità di guida e, contemporaneamente:

  • causare la perdita di controllo dell’auto ad alte velocità; 
  • influenzare la distanza di frenata sul bagnato;
  • causare lo scoppio degli pneumatici provocando incidenti.

 

Don’t be mona: be wise, drive safe.

Articoli correlati

Guide e consigli

Quali sono le differenze tra pneumatico radiale e convenzionale?

News

Pneumatici CO2 Neutral, ecco Michelin

News, Ordinanze

Gomme invernali: c’è tempo fino al 15 maggio per sostituirle

News

Ennesimo riconoscimento per Metzeler, eletto miglior marchio di gomme moto

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere
news e aggiornamenti

PROSSIMI APPUNTAMENTI

da mercoledì 21 a mercoledì 28 aprile 2021

Salone di Shangai 2021

15 Aprile 2021

Cambio Gomme Estive

autunno 2021

Nokian Hakkapeliitta 10