IL PORTALE CHE Dà VOCE AGLI PNEUMATICI

Guide e consigli

Tempo di lettura: 2 Minuti

TPMS: il sistema di monitoraggio della pressione!

Condividi :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Il Tyre Pressure Monitoring System è il sistema di monitoraggio della pressione integrato nell’elettronica della vettura. Esso entra in funzione nel caso in cui si verifichi una perdita d’aria, si accende un’apposita spia nel cruscotto del veicolo e avverte una situazione di pericolo.

Introdotto nella normativa EU – 661 2009 che stabilisce l’obbligatorietà, a partire dal 1 novembre 2014,  per tutte le vetture nuove di montare il TPMS.

 

Perchè un sistema di monitoraggio

img_2016_07_07_sensor_4_kr-data

 

Circa il 50% delle vetture in circolazione, hanno un’errata pressione di gonfiaggio degli pneumatici. Il TPMS ha 3 funzioni importanti:

 

  • evitare un aumento del consumo di carburante;
  • evitare il danneggiamento della struttura dello pneumatico dovuto all’innalzamento della temperatura (anche correggendo la pressione, i danni strutturali non sono eliminabili).  
  • garantire maggior sicurezza.

Come funziona

Esistono 2 diversi tipi di TPMS: diretto e indiretto. 

Il sistema diretto viene gestito tramite sensori montati direttamente sullo pneumatico. Misurano la pressione di tutte e 4 le ruote e la trasmettono in tempo reale al computer di bordo. Oltre alla pressione, controllano anche la temperatura interna dello pneumatico.  

Il sistema indiretto sfrutta invece i sensori dell’ABS e si basa sul diametro dello pneumatico: uno pneumatico sgonfio avrà un diametro più piccolo e quindi una maggiore velocità angolare. Quando gli pneumatici iniziano a girare più velocemente, il sistema rileverà una perdita di pressione e avvisa il conducente. 

Secondo la normativa UE,  il TPMS deve avere determinate caratteristiche:

  • il trasferimento dati deve avvenire con 434 MHz;
  • la perdita di pressione deve essere rilevata a partire da una velocità di 40 km/h fino alla velocità massima del veicolo; 
  • il TPMS deve avvisare entro 10 minuti in caso di una perdita di pressione di un singolo pneumatico che sia del 20% in meno rispetto alla pressione di esercizio (1,5 bar) 
  • il TPMS deve avvisare entro 10 minuti, in caso di perdita immediata o graduale di pressione di tutti e quattro gli pneumatici che sia del 20% in meno rispetto alla pressione di esercizio (1,5 bar) 

Una questione di sicurezza

La perdita di pressione è un fenomeno che si verifica in maniera naturale, e uno pneumatico non gonfiato correttamente può compromettere la stabilità di guida e, contemporaneamente:

  • causare la perdita di controllo dell’auto ad alte velocità; 
  • influenzare la distanza di frenata sul bagnato;
  • causare lo scoppio degli pneumatici provocando incidenti.

 

Don’t be mona: be wise, drive safe.

Articoli correlati

Guide e consigli

Come è fatto lo pneumatico: il tallone

Guide e consigli

Quali sono le differenze tra pneumatico radiale e convenzionale?

News

Pneumatici CO2 Neutral, ecco Michelin

News, Ordinanze

Gomme invernali: c’è tempo fino al 15 maggio per sostituirle

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere
news e aggiornamenti

PROSSIMI APPUNTAMENTI

da mercoledì 21 a mercoledì 28 aprile 2021

Salone di Shangai 2021

15 Aprile 2021

Cambio Gomme Estive

autunno 2021

Nokian Hakkapeliitta 10