IL PORTALE CHE Dà VOCE AGLI PNEUMATICI

Guide e consigli

Tempo di lettura: 3 Minuti

Sai come leggere la marcatura di uno pneumatico?

Condividi :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Fino a poco tempo fa lo pneumatico era considerato un semplice accessorio dell’auto o un pezzo di gomma a cui prestare attenzione solo in caso di incidenti o forature. 

Ora assistiamo invece ad una vera e  propria inversione di tendenza con consumatori sempre più informati e ricettivi, che non fanno del prezzo la variabile chiave del loro processo decisionale.  

E’ importante ribadire che lo pneumatico, essendo il punto di contatto tra asfalto e la macchina, assume la stessa importanza di ABS e Airbag in termini di sicurezza per il consumatore e, soprattutto, uno pneumatico di qualità può far risparmiare molto anche in termini di carburante. 

La marcatura degli pneumatici

Le caratteristiche dello pneumatico adatto alla tua vettura sono scritte sul libretto di circolazione, ma sono molti quegli automobilisti che non sono a conoscenza del vero significato di tutte queste informazioni tecniche.

Allo stesso tempo, sulla spalla dello pneumatico, sono impressi a caldo dei codici di marcatura in cui sono riportate le caratteristiche principali che sono: 

  • Dimensioni fisiche
  • Caratteristiche prestazionali
  • Caratteristiche costruttive
  • Data di produzione

Andiamo ora a analizzarle nel dettaglio:

saccon-gomme-pneumatico-guida-alla-marcatura-1
*esempio di marcatura di uno pneumatico. 

1. Larghezza dello pneumatico: larghezza nominale della sezione misurata in millimetri, in condizioni di pressione e carico definite dalle norme; 

2. Rapporto di aspetto: rapporto in percentuale tra l’altezza della spalla e la larghezza della sezione; Un rapporto di 55 ad esempio, indica che l’altezza del pneumatico corrisponde al 55% della larghezza.

3. Struttura delle tele: R sta per pneumatico a struttura radiale; per pneumatici che superano i 240 km/h viene usato il simbolo ZR.  

4. Diametro della ruota espresso in pollici;

5. Indice di Carico: massima capacità di carico consentita su una singola ruota. Per legge si devono montare ruote con indice di carico pari o superiori a quelli trascritti sulla carta di circolazione; Uno pneumatico con indice di carico di 91, può trasportare un peso di 615 kg. Qui sotto potete trovare una tabella con alcuni esempi di indici di carico. 

saccon-gomme-tabella-indice-di-carico

6. Codice di Velocità: velocità massima ammissibile per uno pneumatico con corretta pressione di gonfiaggio e utilizzato sotto carico. Per legge è necessario montare pneumatici con capacità pari o superiore a quelli trascritti sulla carta di circolazione. Il codice di velocità viene espresso con una lettera in coda alla dicitura e dopo l’indice di carico. Uno pneumatico con codice di velocità V, è omologato per una velocità massima di 240 km/h. 

saccon-gomme-tabella-indice-di-velocita

Ps: oltre a quelli elencati in tabella, ci sono anche i codici W: 270 Km/h e Y: 300 Km/h

7. DOT: indica che lo pneumatico è omologato per il mercato americano (Department of Transportation). Le ultime quattro cifre indicano la settimana e l’anno di produzione: nel nostro caso 2614, indica come data di produzione la settimana 26 del 2014.  

Altri esempi di marcatori

A seconda del tipo di pneumatico e del paese in cui vengono commercializzati, vengono inseriti altri altri codici di omologazione:

  1. P: i pneumatici per autovettura vengono, contraddistinti con questo simbolo o dall’assenza di lettere;
  2. Tubeless: attitudine all’uso senza camera d’aria. Lo potete trovare anche con la dicitura “TL”; 
  3. M+S: Mud e Snow, indica che lo pneumatico è indicato per un utilizzo invernale.
  4. XL: indica che è adatto per un carico maggiore; 
  5. ECE-ONU/UE e Direttiva 92/23/CEE: indica che lo pneumatico rispetta gli standard stabiliti dall’Unione Europea;
  6. E1: indica l’omologazione e il paese che l’ha rilasciata;
  7. TWI: serve ad indicare il tassello di usura dello pneumatico presente all’interno della scalanatura, che per legge deve avere uno spessore minimo di 1,6 mm altrimenti deve essere sostituito. 

 

Don’t be mona: be wise, drive safe.

Articoli correlati

Guide e consigli

Quali sono le differenze tra pneumatico radiale e convenzionale?

News

Pneumatici CO2 Neutral, ecco Michelin

News, Ordinanze

Gomme invernali: c’è tempo fino al 15 maggio per sostituirle

News

Ennesimo riconoscimento per Metzeler, eletto miglior marchio di gomme moto

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere
news e aggiornamenti

PROSSIMI APPUNTAMENTI

da mercoledì 21 a mercoledì 28 aprile 2021

Salone di Shangai 2021

15 Aprile 2021

Cambio Gomme Estive

autunno 2021

Nokian Hakkapeliitta 10