IL PORTALE CHE Dà VOCE AGLI PNEUMATICI

News

Tempo di lettura: 3 Minuti

Dal bianco al nero: il viaggio di Pirelli per raccontare la gomma naturale

Condividi :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Un viaggio tra ThailandiaIndonesia attraverso le piantagioni di lattice; un progetto multimediale che racconta l’evoluzione della gomma naturale, dal raccolto dei contadini, alla lavorazione, fino a diventare pneumatico.

“From White to Black”: il reportage del fotografo e scrittore Alessandro Scotti per Pirelli documenta con foto, video e registrazioni la vita dei coltivatori di “alberi della gomma”, delle loro usanze e tecniche.

Continua a leggere l’articolo per scoprire di più.

In questo articolo troverai

 

Il progetto

Poichè Thailandia e Indonesia sono i maggiori produttori mondiali di lattice della gomma, il documentario di Alessandro Scotti si è svolto nei siti di raccolta delle due regioni, tra l’isola di Giava e di Sumatra, e le piantagioni nella provincia del Chonburi.

L’obiettivo è quello di raccontare la gomma naturale e promuovere tutto quello che ne ruota intorno: preservare la biodiversità e supportare lo sviluppo delle comunità ed economie locali.

A supporto di questo progetto, Pirelli ha lanciato una piattaforma online: “Per andare veloci bisogna saper aspettare“.

È un processo molto lento: “gli alberi impiegano 7 anni a crescere, l’operazione di incisione dura 5 ore e per raccogliere il lattice ce ne vogliono 3“; la vita dei coltivatori si modella intorno al processo di raccolta, rispettando i ritmi imposti dalla natura. Il tutto in contrapposizione con quello che poi diventa protagonista del mondo dell’asfalto e della velocità, ovvero lo pneumatico: due realtà lontane ma connesse raccontate per illustrare i passaggi che separano il lavoro e i ritmi degli agricoltori da quelli del mondo tecnologico, veloce e complesso.

From White to Black“, dal bianco lattice liquido al nero della gomma finita: otto tappe, trenta immagini che raccontano con foto, video e registrazioni audio, vari temi tra cui il ruolo della donna e la vita dei coltivatori; il “tapping”, ovvero l’incisione praticata sull’albero della gomma (Hevea brasiliensis) per estrarre il latex; la fauna e la flora dell’esotico sud-est asiatico, e l’armonia della vita animale e naturale.

Pirelli e l’eco-sostenibilità

Il progetto è parte di una campagna più grande, iniziata nel 2017, a favore della biodiversità e della sostenibilità, la Sustainable Natural Rubber Policy, che coinvolge fornitori, commercianti e farmer, ONG internazionali e ha lo scopo di sensibilizzare e disciplinare l’utilizzo responsabile delle risorse di gomma naturale dall’estrazione alla lavorazione.

Perseguire uno sviluppo sostenibile significa guardare sempre al domani, avendo chiaro che i capitali economico, ambientale e umano sono interdipendenti e come tali vanno gestiti. Da sempre lavoriamo per creare valore durevole, puntando sulla passione e competenza delle nostre persone, ed è questo l’approccio che si ritrova anche nella nostra ‘Sustainable Natural Rubber Policy.’

Queste sono le parole di Marco Tronchetti Provera, vicepresidente esecutivo e AD. Pirelli, che non possiede piantagioni, attua le sue strategie di sostenibilità attraverso partnership con i propri fornitori ponendo al centro le persone e l’ambiente.

Inoltre, come specifica Filippo Bettini (Chief Sustainability and Risk Governance Officer),

“La gomma naturale è un elemento imprescindibile per la composizione di un pneumatico e per noi è fondamentale che il processo per la sua coltura ed estrazione sia fatto in modo sostenibile, nel rispetto delle persone e dell’ecosistema nei paesi chiave di produzione, come Indonesia e Thailandia. Solo con un approccio responsabile possiamo contribuire ad assicurare un futuro a una materia prima preziosa e alle popolazioni locali che proprio dalla gomma traggono la loro fonte di sostentamento”.

I risultati non si sono fatti attendere, migliorando di anno in anno le performance per quanto riguarda la sostenibilità: nel 2018 i prodotti “Green Performance” hanno rappresentato la metà delle vendite (il 6% in più rispetto al 2017) e il 57,5% delle vendite di prodotti Premium.

Numerosi sono i riconoscimenti ricevuti: dalla leadership nel segmento Auto Components al Dow Jones Sustainability Index e all’Annuario della sostenibilità 2019 fino alla sua inclusione nell’elenco Climate A redatto da CDP per il suo ruolo nella battaglia contro i cambiamenti climatici.

Vuoi iniziare anche tu il viaggio alla scoperta della gomma naturale? Clicca qui: Per andare veloci bisogna saper aspettare. 

Don’t be mona: be wise, drive safe. 

Il team Outrider

Articoli correlati

Guide e consigli

Come è fatto lo pneumatico: il tallone

Guide e consigli

Quali sono le differenze tra pneumatico radiale e convenzionale?

News

Pneumatici CO2 Neutral, ecco Michelin

News, Ordinanze

Gomme invernali: c’è tempo fino al 15 maggio per sostituirle

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere
news e aggiornamenti

PROSSIMI APPUNTAMENTI

da mercoledì 21 a mercoledì 28 aprile 2021

Salone di Shangai 2021

15 Aprile 2021

Cambio Gomme Estive

autunno 2021

Nokian Hakkapeliitta 10