IL PORTALE CHE Dà VOCE AGLI PNEUMATICI

News

Tempo di lettura: 3 Minuti

Continental: 110 tonnellate di rifiuti in plastica in meno ogni anno

Condividi :

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Con una piccola rinuncia in termini di visibilità, Continental prosegue sulla strada della sostenibilità. Infatti, dal 2021 la casa produttrice tedesca non produrrà più gli adesivi che riportavano il suo logo da apporre sugli pneumatici, generando un risparmio considerevole di rifiuti in plastica

Un gesto, quello di Continental, che difficilmente passerà inosservato. 

Quanti rifiuti in plastica verrano risparmiati? Cosa rimarrà sugli pneumatici?

Meno rifiuti in plastica

adesivi continental

La scelta di interrompere la produzione degli adesivi da affiggere sugli pneumatici, porterà Continental a ridurre i rifiuti in plastica di circa 110 tonnellate all’anno. Per comprendere appieno la dimensione di questo risparmio per la natura, corrisponde a un rotolo di adesivi lungo circa 6,4km, più del diametro della circonvallazione di Milano. 

Così facendo, quindi, l’azienda non produrrà più gli adesivi con i loghi dei brand che fanno parte del Gruppo (quali Continental, Uniroyal, Semperit e Barum).

Cosa ha spinto Continental a prendere questa decisione?

Continental

Spiegando l’importanza di questo cambiamento, Claus Petschick, capo del nuovo dipartimento di sostenibilità di Continental, afferma:

Decidendo di non produrre più questi adesivi, ci stiamo avvicinando ulteriormente agli obiettivi aziendali di sostenibilità che ci siamo prefissati e stiamo contribuendo alla riduzione e alla sostituzione dei materiali di derivazione fossile nel nostro sistema di produzione globale. Il nostro obiettivo è di utilizzare materiali sostenibili lungo l’intera catena di fornitura. Evitare gli sprechi, in particolare i rifiuti di plastica, è il miglior passo che possiamo compiere su questa strada perché aiuta anche a proteggere l’ambiente e preservare le risorse naturali”.

Cosa rimarrà sugli pneumatici?

Etichetta europea 2021

All’interno della regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), Continental, quindi, applicherà sui nuovi pneumatici solo uno dei due adesivi sinora utilizzati, ovvero l’etichettatura europea, obbligatoria nell’Unione Europea e in altri Paesi, che riporta le informazioni di prodotto necessarie al commercio, come la marca, le dimensioni e il numero di serie dell’articolo.

Il commento di Outrider

commento outrider

La decisione di Continental in merito all’interruzione della produzione degli adesivi da affiggere sugli pneumatici, non è una scelta di poco conto. Infatti, ciò renderà gli pneumatici in vendita meno riconoscibili ad occhi inesperti. 

Secondo noi, in realtà potrebbe portare ad un cambio di paradigma nella valutazione dei pneumatici da parte degli automobilisti

La mancanza del marchio in bella vista, anche se riportato sull’etichetta europea, potrebbe portare gli automobilisti a valutare innanzitutto le caratteristiche e le performance esplicitate dall’etichetta europea. Infatti, spesso ci si basa principalmente sul marchio in fase di scelta degli pneumatici piuttosto che sulle caratteristiche tecniche.

In ogni caso, sarà sempre il gommista la persona che ci aiuterà nel migliore dei modi a selezionare quei pneumatici che sono più adatti alle nostre necessità.

Be wise, drive safe.

Il team Outrider

Articoli correlati

Guide e consigli

Come è fatto lo pneumatico: il tallone

Guide e consigli

Quali sono le differenze tra pneumatico radiale e convenzionale?

News

Pneumatici CO2 Neutral, ecco Michelin

News, Ordinanze

Gomme invernali: c’è tempo fino al 15 maggio per sostituirle

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere
news e aggiornamenti

PROSSIMI APPUNTAMENTI

da mercoledì 21 a mercoledì 28 aprile 2021

Salone di Shangai 2021

15 Aprile 2021

Cambio Gomme Estive

autunno 2021

Nokian Hakkapeliitta 10